Volutella pachysandricola

Nome latino: Volutella pachysandricola Dodge (forma asessuata), Pseudonectria pachysandricola Dodge (forma sessuata)

Categoria: Funghi

Sintomi

La malattia può manifestarsi in modo devastante in aiuole piantate con piante molto sollecitate di Pachysandra. Si manifesta con macchie irregolari che portano a delle lesioni sulle foglie. Le macchie, da pochi millimetri diventano sempre più grandi espandendosi su tutto il lembo fogliare sino alla morte della pianta. Le piante risultano molto deboli e molto rovinate. Le foglie potrebbero presentarsi con una sfumatura arancio a causa della presenza delle spore del fungo.Il fungo attacca foglie, steli e stoloni.

Ciclo biologico

Le piante di Pachysandra si infettano molto facilmente sulle vecchie parti o laddove la vegetazione è stata danneggiata da una troppo forte esposizione al sole, in presenza di ristagni d'acqua o su delle lesioni dovute a degli insetti. L'infezione avviene soprattutto durante una primavera piovosa ed è rapidissima in presenza di piantagioni troppo dense e quando si utilizzano delle pacciamature che trattengono troppo l'acqua. In primavera il fungo produce dei conidiofori che contengono una grande quantità di spore rossastre (riproduzione asessuata). Durante i periodi umidi e piovosi le spore vengono liberate. Sulle foglie che sembrano ricoperte da una polvere di color arancione avviene una nuova infezione che produce delle fruttificazioni (periteci). Questi a loro volta producono nuove spore (riproduzione sessuata) che andranno a disseminare il fungo.

Causa

La malattia si manifesta a causa della presenza di inoculo del fungo in zone adiacenti alla pianta.

Prevenzione

Piantare Pachysandra in zone adatte e non troppo esposte al sole. Alcune varietà sembrano esser più sensibili agli attacchi della malattia (P. terminalis 'Green Carpet' e P. terminalis 'Variegata'). Durante la piantagione, non esagerare nelle densità ed evitare la pacciamatura con materiali che trattengono troppo l'acqua.

Lotta

E' difficile consigliare dei prodotti efficaci. La malattia è di recente introduzione e poco conosciuta e di conseguenza anche i prodotti rischiano di non esser omologati a tale scopo. Alcuni studi sono stati fatti negli USA evidenziando una certa efficacità con dei prodotti biologici a base di Bacillus subtilis, prodotti che però non sono omologati da noi per questa coltura. Altri prodotti citati sono a base di thiophanate-methyl, chlorotalonil e mancozeb. Si dovrà quindi prestare la massima attenzione nel scegliere prodotti omologati che si trovano nella lista cliccando sul link seguente: prodotti
ATTENZIONE! Questi prodotti possono anche essere molto tossici e dannosi per la salute e per l'ambiente. Meglio quindi affidarsi nell'uso degli stessi ai consigli e all'intervento di un professionista del settore.

Osservazioni

E' malattia di recente introduzione. Se ne conosce bene la presenza negli Stati Uniti. In Europa è stata segnalata la prima volta in Repubblica Ceca nel 2002. La presenza nelle nostre regioni è dovuta sicuramente all'aumento degli scambi commerciali e l'approviggionamento di queste piante nei paesi dell'Est.

Piante ospiti
Pachisandra