Phytophthora

Nome latino: Phytophthora ramorum

Categoria: Funghi da quarantena

Sintomi

Nel rododendro si osservano dei disseccamenti repentini dei rametti, generalmente con un'evoluzione dagli apici verso la base della pianta. La corteccia delle parti della pianta colpite presenta una colorazione marrone nerastra. Si osservano anche delle necrosi delle foglie a partire dal picciolo. Il viburno reagisce all'attacco di Phytophthora con un improvviso avvizzimento della pianta a partire dalla base del fusto. Si osservano anche delle necrosi al tessuto corticale nella zona del colletto. I fiori seccano. Nella camelia gli attacchi si manifestano con delle lesioni fogliari di colore bruno-nero sugli apici o sui bordi delle foglie. Talvolta si osservano delle infezioni ai germogli e un'avvizzimento della pianta.

Ciclo biologico

Il ciclo biologico di questo fungo non è ancora ben noto, ma si sa che Phytophthora ramorum si diffonde tramite zoospore trasportate dal vento e dalle forti piogge (zoospore flagellate, si spostano facilmente nell'acqua). Dalla germinazione di queste spore si formano gli sporangi che a maturazione liberano delle nuove zoospore. Parallelamente si formano in abbondanza anche le clamidiospore che sono gli organi svernanti che garantiscono lo sviluppo della malattia dopo i periodi sfavorevoli. Il ciclo della riproduzione asessuata di questo fungo avviene più volte in una stagione. Questo fungo è attivo in condizioni umide e fresche con un ottimale a 20°C. La riproduzione sessuata non è mai stata osservata in natura.

Causa

Presenza di inoculo nelle vicinanze o trasportato tramite piante importate.

Prevenzione

Verificare lo stato qualitativo e fitosanitario delle piante prima dell'acquisto e assicurarsi che siano coltivate e controllate professionalmente nell'ambito della certificazione fitosanitaria (passaporto delle piante).

Lotta

In pratica non esistono dei trattamenti per sanare un esemplare colpito da questo fungo. In caso di sospetto d'infezione, chiamare il Servizio fitosanitario del Cantone che potrà confermare o meno l'infezione. In caso di presenza del fungo, eliminare le piante tramite estirpazione e bruciatura.

Osservazioni

Questo fungo è anche responsabile della malattia delle querce nota come "Sudden Oak Death" ovvero "morte improvvisa delle querce". Nelle coste della California e dell'Oregon questa malattia ha assunto proporzioni epidemiche causando la morte di più di un milione di esemplari. Tra i sintomi manifestati dalle querce, vi è un fenomeno molto particolare chiamato "sanguinamento", avviene nella stagione umida con il fuoriuscire di gocce di linfa di colore rosso scuro.
Secondo l'Ordinanza della protezione dei vegetali (OPV) del 27 ottobre 2010 questo organismo è considerato particolarmente nocivo e viene ripreso nell'allegato 1 dell'Ordinanza dell'UFAG concernente le misure fitosanitarie a carattere temporaneo (OMFT) del 25 febbraio 2004. In Svizzera è apparso in alcuni vivai e giardini in Svizzera romanda e in Svizzera tedesca ed è stato appurato che è arrivato tramite dei vegetali importati. Grazie al lavoro operato dai Servizi Fitosanitari è stato possibile interrompere e limitare la diffusione del patogeno.

Piante ospiti
Rododendro Camelia Viburno