Grillotalpa

Nome latino: Gryllotalpa gryllotalpa

Categoria: Insetti

Sintomi

Le infestazioni avvengono prevalentemente in terreni umidi o ben irrigati, ricchi di humus e leggeri. Gli attacchi sono molto localizzati. Nella ricerca di cibo o per degli spostamenti, il grillotalpa scava delle gallerie superficiali sollevando cotica erbosa e terra causando quindi danni estetici ai tappeti erbosi. Inoltre per nutrirsi provoca danni diretti all'apparato radicale di molte piante causandone la morte.

Ciclo biologico

L'adulto ha il corpo robusto, lungo 35-40 millimetri, cilindrico, di colore marrone vellutato e presenta protorace con il primo paio di zampe sviluppate di tipo fossorio. Le ali anteriori sono corte, mentre quelle posteriori sono più grandi, a riposo sono ripiegate a ventaglio. Le ninfe sono molto simili agli adulti. In aprile maggio, dopo periodi di pioggia, avvengono gli accoppiamenti in superficie. Ogni femmina fecondata, tra maggio e giugno, scava un nido di diametro 6-10 centimetri ad una profondità di 30-40 centimetri per deporre le uova (200-300). Le uova si schiudono dopo circa 20 giorni. Nel primo anno di vita le larve vivono nel terreno, passano attraverso 2 mute e in ottobre scavano la loro galleria per poi passare l'inverno. Nella tarda estate dell'anno successivo compaiono gli adulti che aspettando la primavera successiva per accoppiarsi, scavano una galleria profonda da qualche centimetro fino ad un metro dove passare l'inverno. Completano una generazione ogni due anni.

Causa

Presenza di neanidi nel terreno.

Prevenzione

Il grillotalpa predilige terreni molto umidi e ricchi di humus. In caso di infestazioni evitare ristagni di acqua nel tappeto erboso e favorire un buon drenaggio.

Lotta

La lotta al grillotalpa può essere di tipo agronomico cercando di distruggere tramite lavorazione del terreno i nidi dell'ovideposizione tra maggio e giugno prima della schiusa delle uova; di tipo biologico utilizzando dei prodotti a base di nematodi (Steinernema carpocapsae) oppure di tipo chimico con dei prodotti insetticidi. La lotta chimica al grillotalpa può avvenire con l'utilizzo di esche avvelenate da prodotti chimici, queste esche si dispongono nel momento in cui gli adulti escono dal terreno per l'accoppiamento. Le esche vanno messe alla sera. Al fine di evitare un avvelenamento di uccelli e piccoli mammiferi predatori, è opportuno raccogliere al primo mattino i grillotalpa morenti usciti dal terreno. Il calendario e la scadenza dei prodotti vanno in funzione del tipo di prodotto scelto. Utilizzare un prodotto omologato che si trova nella lista cliccando sul link seguente: prodotti
ATTENZIONE! Questi prodotti possono anche essere molto tossici e dannosi per la salute e per l'ambiente. Meglio quindi affidarsi nell'uso degli stessi ai consigli e all'intervento di un professionista del settore.

Ausiliari

Diversi insetti predatori, uccelli diurni e notturni, e piccoli mammiferi come il riccio.

Osservazioni

G. gryllotalpa è un insetto onnivoro con una vasta gamma di alimenti. Si nutre di svariate larve presenti nel terreno, di radici di piante leguminose e ornamentali, di radici di diverse graminacee, di patate e molte altre.

Piante ospiti
Graminacee da tappeto